Cart
Checkout Secure

Coupon Code: FT68LD435 Copy Code

Hai una Domanda? Chiamaci ora.

+44 (0)1604 389 099

Mon-Fri 8.30-17.30 GMT

Berberina - Regolatore naturale della glicemia e altro ancora

By Max Cerquetti novembre 01, 2020

La berberina (diciamo "BUR-bur-reen") è un composto vegetale naturale con molteplici effetti medicinali, come la regolazione della glicemia, che sono così potenti che alcuni medici lo preferiscono ai prodotti farmaceutici fabbricati. Il composto stesso si trova in una varietà di piante che si trovano in tutto il mondo, tra cui uva dell'Oregon, Crespino europeo, Curcuma, Phellodendron (noto anche come Cork Tree e da non confondere con la pianta d'appartamento Philodendron), nonché Goldenseal e Goldthread.

 

La berberina è stata utilizzata con successo per letteralmente migliaia di anni nella medicina tradizionale cinese ed è stata menzionata per la prima volta in un antico testo medico cinese, lo Shennong Bencaojing o Il classico della medicina erboristica, scritto tra il 200 e il 250 d.C. Questo composto vegetale è di uno splendido giallo dorato ed è stato a lungo utilizzato anche come prezioso colorante naturale, specifico per colorare la lana.

Oltre all'efficacia della berberina come regolatore della glicemia, ha anche potenti effetti antimicrobici e antinfiammatori, abbassa la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo, migliora i batteri intestinali benefici e ha anche proprietà anti-invecchiamento tra molti altri benefici. Ci si potrebbe legittimamente chiedere come un solo composto possa avere effetti così ampi su così tanti diversi sistemi corporei?


AMPK - Il sensore di energia principale 

 

Per comprendere gli effetti di vasta portata della berberina devi esaminare attentamente un enzima presente nel tuo corpo chiamato AMPK che sta per chinasi di proteina attivata da adenosina monofosfato. Un enzima è una proteina che aiuta ad accelerare alcune reazioni chimiche vitali nel tuo corpo che senza l'enzima, semplicemente, non sarebbero in grado di verificarsi.

 

AMPK activation and autophagy in macrophages, ECs and VSMCs

 

Attivazione dell'AMPK e autofagia nei macrofagi, cellule endoteliali (EC) e cellule muscolari lisce vascolari (VSMC).

Gli attivatori di AMPK come la berberina inducono l'autofagia dei macrofagi attraverso la via di segnalazione PI3K/Akt/mTOR. L'espressione delle citochine pro-infiammatorie (IL-1β, IL-6 e TNF-α) è down-regolata e l'espressione dell'espressione delle citochine anti-infiammatorie (IL-10) è up-regolata. Pertanto, l'infiammazione, l'aggregazione dei macrofagi e lo stress ossidativo sono inibiti e la sopravvivenza cellulare e la stabilità della placca sono aumentate. L'attivazione dell'AMPK e l'autofagia nelle EC inducono la produzione di NO, promuovono la sopravvivenza cellulare e riducono lo stress ossidativo e la risposta infiammatoria. L'attivazione dell'AMPK e l'autofagia promuovono anche la sopravvivenza cellulare e la vasodilatazione, inibiscono la migrazione e la proliferazione cellulare e riducono la formazione di neointima e la calcificazione vascolare nelle VSMC.

 


AMPK si trova in ogni cellula del tuo corpo e può essere pensato come un "interruttore" di energia o anche il sensore di energia principale. Trova un modo per attivare AMPK e hai trovato un modo per ridurre il grasso addominale pericoloso e ridurre l'infiammazione dannosa. L'attività di AMPK non solo influenza la composizione del grasso corporeo, ma ha anche un'influenza su quanto tempo vivrai! L'AMPK regola molteplici vie metaboliche che mantengono normalizzati la glicemia, i livelli di lipidi nel sangue e le vie energetiche cellulari.

 

Berberine effects on DNA Synthesis and Replication, Cell Cycle, Autophagy, Senescence and Apoptosis.

 

Effetti pleiotropici della berberina sulle vie di segnalazione coinvolte nella crescita cellulare.

La berberina può indurre molte vie che possono provocare la soppressione della crescita cellulare, l'induzione dell'apoptosi, l'autofagia, la senescenza, la rottura del doppio filamento del DNA o l'inibizione della progressione del ciclo cellulare e della replicazione del DNA. Questi eventi sono indicati da frecce rosse. Inoltre, il trattamento con berberina  può provocare la soppressione di molte proteine ​​importanti che portano a una diminuzione della crescita, della sintesi del DNA, del potenziale della membrana mitocondriale, dell'arresto del ciclo cellulare e dell'infiammazione indicati dalle frecce nere chiuse.

 

 

Ma c'è un problema.Con l'avanzare dell'età, i livelli di AMPK nel tuo corpo diminuiscono naturalmente e, insieme ad esso, sei incline a mettere su chili intorno all'addome A differenza del grasso che si accumula in altre aree, grasso addominale o grasso "viscerale" come a volte viene chiamato , produce ormoni pericolosi che accelerano il processo di invecchiamento e possono persino aumentare il rischio di malattie cardiache.

 

Quando questi percorsi critici influenzati dall'AMPK vengono disattivati ​​a causa della diminuzione dei livelli di AMPK, può essere innescato un disturbo noto come sindrome metabolica. La sindrome metabolica è una condizione altamente pericolosa che include diabete, aumento dei lipidi nel sangue, glicemia alta e pressione alta.

 

Il trattamento dei pazienti affetti da sindrome metabolica è piuttosto complicato e di solito richiede da tre a cinque farmaci diversi, tutti con vari effetti collaterali, per gestire tutti i diversi aspetti di questa sindrome. In effetti, gli scienziati hanno proposto la ricerca per sviluppare un singolo farmaco che mirerebbe all'attivazione dell'AMPK per sostituire tutti questi farmaci con uno solo.

 

Uno degli altri modi in cui l'attivazione di AMPK può aiutare a rallentare e persino invertire l'invecchiamento biologico è il suo ruolo nel processo di autofagia (diciamo "aw-TOPH-ah-gee"), un normale processo che le tue cellule usano per eliminare le scorie metaboliche, i mitocondri che non funzionano più correttamente, le proteine ​​e i virus danneggiati. Con l'avanzare dell'età, l'autofagia diminuisce e l'invecchiamento precoce accelera. Ma la ricerca ha dimostrato che aumentare l'AMPK può aiutare ad aumentare l'autofagia.

 

Berberina, AMPK e autofagia

Ma torniamo alla berberina. Mentre alcuni farmaci, come la metformina, un farmaco per il diabete, così come l'esercizio e la restrizione calorica attivano l'AMPK, lo stesso vale per la berberina. È questa attivazione dell'AMPK che spiega molti degli effetti positivi di vasta portata della berberina in così tante diverse condizioni metaboliche.

 

Oltre al trattamento del diabete di tipo 2, la berberina ha potenti effetti antinfiammatori. Si pensa che l'infiammazione sia uno dei principali fattori alla base di un'ampia gamma di malattie moderne, tra cui malattie cardiache, diabete di tipo 2, alcuni disturbi autoimmuni e sì, persino cancro, Alzheimer e altre malattie neurodegenerative.

 

C'è stato un rinnovato interesse per il potenziale della berberina nel trattamento e persino nella protezione contro le malattie neurodegenerative, poiché è stato scoperto che la berberina attraversa la barriera emato-encefalica e ha effetti neuroprotettivi sia nei modelli cellulari che animali di Alzheimer, Parkinson e La malattia di Huntington, tutte malattie devastanti, sia per i pazienti che per le loro famiglie. Ancora una volta, l'efficacia della berberina in queste malattie è probabilmente dovuta all'attivazione dell'AMPK e al potenziamento dell'autofagia, poiché è noto che l'autofagia elimina le proteine ​​​​mal ripiegate che si ritiene svolgano un ruolo nelle placche che si formano nel cervello dei pazienti con malattia di Alzheimer.

 

È stato dimostrato che l'infiammazione cronica svolge un ruolo importante nello sviluppo di alcuni tipi di cancro. Non solo il trattamento dell'infiammazione potrebbe prevenire lo sviluppo del cancro, in quei pazienti che sono già stati diagnosticati, il trattamento simultaneo sia del cancro che dell'infiammazione cronica sottostante mostra un potenziale terapeutico significativo. La berberina ha effetti sia antitumorali che antinfiammatori e mostra grandi promesse in questo settore.

 

Uso della berberina per aumentare i livelli di AMPK, ridurre l'infiammazione e aumentare l'autofagia

Alla luce dell'evidenza clinica dell'efficacia della berberina sia nel trattamento che nella prevenzione di un'ampia gamma di malattie umane, ha senso considerare l'integrazione con un prodotto berberina di alta qualità. Poiché la berberina non è ben assorbita, c'è preoccupazione per la sua biodisponibilità, quindi dovresti cercare un prodotto che abbia aggiunto piperina (un estratto di pepe nero) che ha dimostrato di aumentare l'assorbimento della berberina.Anche l'aggiunta di estratto di semi d'uva è un vantaggio, poiché questo composto lavora per abbassare la glicemia ed è anche una buona fonte di antiossidanti, che possono aiutare a ridurre l'infiammazione

 

Puoi trovare maggiori informazioni sui nostri integratori di berberina qui, comprese informazioni sui nostri altri integratori come NAD+, NMN, resveratrolo e altri. Assunto quotidianamente, il nostro potente integratore di berberina biodisponibile è una potente protezione contro gli effetti del processo di invecchiamento e gli effetti pericolosi dell'infiammazione cronica.

 

 

Riferimenti:

 

Wang J, Wang L, Lou GH, et al. Coptidis Rhizoma: una rassegna completa dei suoi usi tradizionali, botanica, fitochimica, farmacologia e tossicologia. Farma Biol. 2019;57(1):193-225. doi:10.1080/13880209.2019.1577466
Hardie DG. AMPK: un regolatore chiave del bilancio energetico nella singola cellula e nell'intero organismo. Int J Obes (Londra). 2008;32 suppl 4:S7-12.

Salminen A, Kaarniranta K. Proteina chinasi attivata da AMP (AMPK) controlla il processo di invecchiamento tramite una rete di segnalazione integrata. Ris. invecchiamento Rev. 2012;11(2):230-41.

Rubinsztein David C, Mariño G, Kroemer G. Autofagia e invecchiamento. Cellula. 2011;146(5):682-95.

Madeo F, Zimmermann A, Maiuri MC, et al. Ruolo essenziale dell'autofagia nell'estensione della durata della vita. Giornale di ricerca clinica. 2015;125(1):85-93.

Yin J, Xing H, Ye J. Efficacia della berberina in pazienti con diabete mellito di tipo 2. Metabolismo. 2008;57(5):712-717. doi:10.1016/j.metabol.2008.01.013

Zhang J., Yang J.Q., He B.C., Zhou Q.X., Yu H.R., Tang Y., Liu B.Z. La berberina e la base totale del rhizoma coptis chinensis attenuano il danno cerebrale in un modello di ratto indotto dall'alluminio di malattia neurodegenerativa. Arabia Saudita J. 2009;30(6):760–766.

Habtemariam S. Il potenziale terapeutico di Berberis darwinii gambo-corteccia: quantificazione della berberina e evidenza in vitro per la terapia della malattia di Alzheimer. Naz. prod. Comune 2011;6(8):1089–1090.

Fan D, Liu L, Wu Z, Cao M. Combattere le malattie neurodegenerative con l'alcaloide vegetale Berberina: meccanismi molecolari e potenziale terapeutico. Curr Neurofarmaco. 2019;17(6):563-579. doi:10.2174/1570159X16666180419141613

Crusz SM, Balkwill FR. Infiammazione e cancro: anticipo e nuovi agenti. Nat Rev Clin Oncol2015; 12: 584–96.

.

Post più vecchio Post più recente


0 commenti


lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Aggiunto al carrello!
Spend $x to Unlock Free Shipping Free shipping when you order over XX You Have Qualified for Free Shipping Spendi $x per sbloccare la spedizione gratuita Hai Raggiunto Spedizione Gratuita Spedizione gratuita per oltre x x a Free Shipping Over $x to You Have Achieved Free Shipping Trasporto libero quando ordinate sopra XX ou Have Qualified for Free Shipping