Cart
Checkout Secure

Coupon Code: FT68LD435 Copy Code

Hai una Domanda? Chiamaci ora.

+44 (0)1604 389 099

Mon-Fri 8.30-17.30 GMT

Qual è il limite di età superiore teorico degli esseri umani? Il conteggio delle cellule del sangue e i passi possono offrire un indizio

By Max Cerquetti ottobre 16, 2021

Qualcosa alla fine ti prenderà: potrebbe essere il cancro, il diabete o un fulmine. Ma cosa accadrebbe se, in un mondo perfetto, fossi in grado di evitare tutte quelle calamità, di eliminare i fattori di stress quotidiani che contribuiscono a minare la tua salute e di morire davvero di "vecchiaia"?< br>
Numerosi studi hanno già indagato su questa domanda e gran parte della nostra attuale comprensione della complessa relazione tra invecchiamento e cambiamenti nelle variabili fisiologiche è derivata da ampi studi trasversali e ha portato alla crescente accuratezza dei cosiddetti " orologi biologici" che basano i fattori di longevità umana su marcatori ematici, DNA e modelli di attività locomotoria.

Naturalmente, molti dei segni distintivi dell'invecchiamento: esaurimento delle cellule staminali, comunicazione intercellulare alterata, alterazioni epigenetiche e instabilità genomica - possono essere affrontate farmacologicamente. Ma se vuoi davvero vivere più a lungo, ci vogliono più di farmaci e terapie, perché anche il tasso di recupero da quei segni distintivi dell'invecchiamento deve essere affrontato.

A maggio 2021, un team di ricerca di Gero, un'azienda biotech con sede a Singapore, che ha lavorato in collaborazione con il Roswell Park Comprehensive Cancer Center di Buffalo, New York, ha presentato i risultati di uno studio sulle associazioni tra invecchiamento e perdita della capacità per riprendersi da quei fattori di stress quotidiani.

I risultati della ricerca includevano una stima di quanto tempo potrebbe vivere un essere umano se tutto andasse senza intoppi e potrebbero sorprenderti.

 

Quanto tempo puoi vivere? Quella risposta dipende dalla "resilienza"


Nello studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications, il ricercatore Gero Timothy Pyrkov e colleghi hanno esaminato il "ritmo dell'invecchiamento" in un'ampia raccolta di persone provenienti da Stati Uniti, Regno Unito e Russia. Hanno valutato le deviazioni nella salute stabile valutando i cambiamenti nella conta delle cellule del sangue e il numero giornaliero di passi compiuti, quindi li hanno analizzati per fascia di età.

 

Toxic stres, hormetic stress and the rate of aging

 


Sia per le cellule del sangue che per il conteggio dei passi, i ricercatori hanno scoperto che lo schema era lo stesso: con l'aumentare dell'età, un fattore non associato a una malattia creava un prevedibile declino della capacità del corpo di restituire le cellule del sangue o dell'andatura un livello stabile dopo un'interruzione. Pyrkov e colleghi hanno quindi tracciato questo declino incrementale fino al punto in cui la resilienza è scomparsa completamente e l'hanno presa come l'età in cui si sarebbe verificata la morte.

Il risultato?

"L'estrapolazione di questa tendenza ha suggerito che indicatore di stato dinamico dell'organismo (DOSI) il tempo di recupero e la varianza divergerebbero simultaneamente in un punto critico di 120-150 anni di età corrispondente a una completa perdita di resilienza", hanno scritto gli autori, aggiungendo che l'osservazione è stata confermata da un'analisi indipendente delle proprietà di correlazione delle fluttuazioni del livello di attività fisica intraday raccolte da dispositivi indossabili.

È importante notare che la correlazione dei ricercatori era la chiave per la scoperta. Misurazioni come il conteggio delle cellule del sangue e la pressione sanguigna hanno un intervallo sano noto, mentre il conteggio dei passi è unico per ogni persona. Il fatto che i passi e l'emocromo abbiano mostrato lo stesso declino nel tempo li rende un vero strumento per il ritmo dell'invecchiamento.

 

 

Cosa significa la perdita di resilienza per la massima durata di vita

 

Anche i fattori sociali hanno confermato i risultati dello studio. I tempi di recupero per un 40enne sono di circa 2 settimane, ma questo si estende a 6 settimane per un 80enne. La prevista perdita di resilienza, anche tra i più sani, potrebbe spiegare perché non ci sarà un eventuale aumento di questa durata massima della vita, anche se le vite medie sono in costante aumento (o almeno lo erano fino ai numeri di mortalità di massa creati da COVID-19).

Ciò significa anche che qualsiasi intervento che non influenzi il declino della resilienza non aumenterà in modo efficace la durata massima della vita - invece, vedremmo solo un aumento incrementale della longevità umana

 

"Di conseguenza, non è possibile una forte estensione della vita prevenendo o curando le malattie senza l'intercettazione del processo di invecchiamento, la causa principale della sottostante perdita di resilienza", ha osservato un comunicato stampa che descrive in dettaglio lo studio. "Non prevediamo alcuna legge di natura che vieti un tale intervento. Pertanto, il modello di invecchiamento presentato in questo lavoro può guidare lo sviluppo di terapie di allungamento della vita con i più forti effetti possibili sulla durata della salute".

 

Un nuovo sguardo su come invecchiamo


L'autore dello studio ha presentato un diagramma schematico della loro interpretazione di come gli esseri umani invecchiano, con l'età mappata rispetto agli indicatori di stato dinamico dell'organismo come una linea che scorre tra la rigenerazione e l'infortunio o la malattia, con le deviazioni tra i due che crescono come un l'essere umano perde la capacità di riprendersi dallo shock e dallo stress.

 

SCHEMATIC ILLUSTRATION OF LOSS OF RESILIENCE ALONG AGING TRAJECTORIES


"Lontano dal punto critico (in giovane età), le perturbazioni dello stato dell'organismo possono essere considerate confinate nelle vicinanze di un possibile stato di equilibrio stabile in un potenziale bacino energetico", hanno scritto nello studio. "Inizialmente, la stabilità dinamica è fornita da una barriera di energia potenziale sufficientemente alta che separa questo bacino di stabilità dalle regioni dinamicamente instabili inevitabilmente presenti nello spazio dei parametri fisiologici. Uno stato di intervallo di salute sperimenta una deviazione stocastica dallo stato di equilibrio metastabile, che viene gradualmente spostato nel corso dell'invecchiamento anche per gli individui che invecchiano con successo”.

In presenza di uno stress, hanno spiegato, la perdita di resilienza porta alla destabilizzazione dello stato di salute dell'organismo. Quando si attraversano le barriere protettive, si perde la stabilità "e si sviluppano deviazioni nei parametri fisiologici fuori controllo, portando a morbilità multiple e, infine, alla morte. La fine del periodo di salute può quindi essere vista come una forma di transizione di nucleazione, corrispondente nel nostro caso alla formazione spontanea di stati di malattie croniche fuori dalla fase metastabile (organismi sani)".

Quindi cosa propongono gli autori si può fare per vivere semplicemente più a lungo? Loro puntare a terapie che avrebbero come obiettivo i fenotipi associati alla fragilità come l'infiammazione. In coloro che sono fragili, un tale intervento produrrebbe effetti duraturi e ridurrebbe la fragilità, il che aumenterebbe la durata della vita oltre la durata della salute.

 

Riferimenti:

 

1. Levine, M. E. Modellazione del tasso di senescenza: l'età biologica stimata può prevedere la mortalità in modo più accurato rispetto all'età cronologica? J. Gerontol. A Biol. Sci. Med. Sci. 68, 667–674 (2013).

2. Aleksandr, Z. et al. Identificazione di 12 loci genetici associati alla salute umana. Comune Biol. 2, 1–11 (2019).

3. Mitnitski, A. & Rockwood, K. Il tasso di invecchiamento: il tasso di accumulo del deficit non cambia nel corso della vita adulta. Biogerontologia 17, 199-204 (2016).

4. Sudlow, C. et al. Biobanca britannica: una risorsa ad accesso aperto per identificare le cause di un'ampia gamma di malattie complesse della mezza età e della vecchiaia. PLoS Med. 12, e1001779 (2015).

5. Horvath, S. Età di metilazione del DNA di tessuti e tipi cellulari umani. Genoma biologico. 14, R115 (2013).

6. Gijzel, S.M.W. et al. Resilienza nell'assistenza clinica: controllare il potenziale di recupero degli anziani. Marmellata. Geriatr. Soc. 67, 2650–2657 (2019).

7. Lippi, G., Salvagno, G. L. & Guidi, G. C. L'ampiezza della distribuzione dei globuli rossi è significativamente associata all'invecchiamento e al sesso. Clin. chimica. Lavoro. Med. (CCLM) 52, e197–e199 (2014).

8. Levine, M.E. et al. Un biomarcatore epigenetico dell'invecchiamento per la durata della vita e della salute. Invecchiamento (Albany NY) 10, 573 (2018).

9. Avchaciov, K. et al.Identificazione di un biomarcatore dell'invecchiamento basato su esami del sangue attraverso l'apprendimento profondo delle traiettorie di invecchiamento in grandi set di dati fenotipici di topi Preprint at bioRxiv https://doi.org/10.1101/2200.01.23.917286 (2020).

10. Pyrkov, TV & Fedichev, P.O. L'età biologica è un indicatore universale di invecchiamento, stress e fragilità. In Biomarcatori dell'invecchiamento umano, 23-36 (Springer, 2019).

11. Belsky, D.W. et al. Quantificazione dell'invecchiamento biologico nei giovani adulti. Proc. Natl Acad. Sci. 112, E4104–E4110 (2015).

12. Sara, A. Marcatori di invecchiamento personali e ageotipi rivelati da un profondo profilo longitudinale. Naz. Med. 26, 83–90 (2020).

.

Post più vecchio Post più recente


0 commenti


lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Aggiunto al carrello!
Spend $x to Unlock Free Shipping Free shipping when you order over XX You Have Qualified for Free Shipping Spendi $x per sbloccare la spedizione gratuita Hai Raggiunto Spedizione Gratuita Spedizione gratuita per oltre x x a Free Shipping Over $x to You Have Achieved Free Shipping Trasporto libero quando ordinate sopra XX ou Have Qualified for Free Shipping