Cart
Checkout Secure

Coupon Code: FT68LD435 Copy Code

Hai una Domanda? Chiamaci ora.

+44 (0)1604 389 099

Mon-Fri 8.30-17.30 GMT

Resveratrolo e il sistema immunitario umano

By Max Cerquetti luglio 09, 2020

Molte persone hanno familiarità con il resveratrolo (diciamo "res-VER-ah-trahl"), un composto antiossidante naturale che si trova in molte varietà di uva rossa (incluso il vino rosso), mirtilli, rabarbaro, cioccolato fondente e altri alimenti. Il resveratrolo si trova anche nel poligono giapponese, una pianta perenne originaria dell'Asia orientale, utilizzata da secoli come rimedio a base di erbe per stimolare la circolazione e ripristinare la salute del cuore.


È stato dimostrato che il resveratrolo in modelli animali e studi sull'uomo ha potenti effetti antinfiammatori e ha grandi promesse come agente che potrebbe rallentare o addirittura arrestare la progressione di molte malattie che hanno infiammazione come parte del loro quadro clinico, tra cui malattie cardiache, diabete, obesità, cancro e disturbi neurodegenerativi come le demenze.

Il resveratrolo è un cosiddetto modulatore immunitario, che modifica l'attività del sistema immunitario agendo su diversi percorsi e cellule immunitarie specifiche all'interno del corpo, che a loro volta riducono la risposta infiammatoria. Diamo un'occhiata alle specifiche di solo alcuni dei modi in cui il resveratrolo influenza il sistema immunitario umano attraverso l'attivazione delle sirtuine, la sua influenza sui macrofagi, l'inibizione dell'attivazione delle cellule T, il potenziamento dell'attività delle NK (Natural Killer Cells) e l'inattivazione dei linfociti B regolatori (Bregs).

Poi esamineremo quali alimenti contengono resveratrolo, in che modo la dieta da sola non può darti una dose terapeutica di resveratrolo e cosa cercare quando si considera l'integrazione di resveratrolo.

Resveratrolo E SIRT1 (il gene della longevità)

In un precedente articolo, abbiamo esaminato da vicino una famiglia di proteine ​​chiamate sirtuine (diciamo "sir-TWO-ins") note anche come geni della longevità. Le sirtuine sono prodotte da quasi tutte le cellule del corpo e controllano l'invecchiamento attivando e disattivando i geni. La sirtuina più studiata e ben riconosciuta è conosciuta come SIRT1.

Le sirtuine hanno anche un'ampia varietà di altri ruoli, aiutando a riparare i danni al DNA, aiutando i mitocondri (le "centrali elettriche" delle tue cellule) a funzionare di più efficiente, inibendo l'infiammazione, regolando il rilascio di insulina e svolgendo un ruolo nella mobilitazione dei grassi tra gli altri processi.

La perdita di sirtuine è stata anche implicata nello sviluppo di vari tumori e nello sviluppo di varie malattie autoimmuni attraverso il processo di attivazione delle cellule T, un tipo di linfociti (globuli bianchi) che svolge un ruolo ruolo centrale nella risposta immunitaria.

Come spiegato nell'articolo precedente, le sirtuine non possono funzionare senza la presenza di NAD+ (nicotinammide adenina dinucleotide) che diminuisce naturalmente con l'età. Puoi pensare a NAD+ e NMN come al "cibo" di cui le sirtuine hanno bisogno per avere abbastanza energia per fare il loro lavoro e il resveratrolo come "l'acceleratore" per quel lavoro attraverso il suo ruolo nell'aumentare l'attivazione dei geni della sirtuina.

Quando il resveratrolo si lega a SIRT1 non solo attiva questa sirtuina, ma aumenta l'attività di legame di SIRT1 ai suoi substrati. Molti di questi substrati sono regolatori dell'attività dei globuli bianchi e della segnalazione infiammatoria delle citochine e queste funzioni infiammatorie sono diminuite o sono completamente inibite a causa del legame con SIRT1.

 

 

Resveratrolo e sua influenza sui macrofagi

I macrofagi sono grandi globuli bianchi che svolgono un ruolo molto importante nel sistema immunitario umano. Il termine “macrofago” significa letteralmente “gran mangiatore” dalle parole greche “macro” che significa grande o grande e “fago” che significa mangiare. La funzione principale del macrofago è quella di localizzare, inghiottire e distruggere particelle estranee potenzialmente dannose come parassiti, virus, batteri e funghi. Queste cellule dipendono da un'ampia gamma di recettori di riconoscimento di pattern, noti come PRR, per identificare efficacemente le firme molecolari discrete trovate su batteri, funghi, virus e parassiti.

L'evidenza suggerisce che la continua attivazione o disregolazione di questi recettori di riconoscimento del pattern può in definitiva dare origine a un'ampia varietà di stati patologici che sono stati collegati a questa attivazione. È stato dimostrato che il resveratrolo regola l'espressione di questi recettori di riconoscimento del pattern e quindi dovrebbe essere utile nel trattamento delle malattie che sono state collegate alla loro attivazione. Tra questi ci sono l'artrite reumatoide, le malattie cardiache, il diabete di tipo 2, l'obesità, il fegato grasso, il morbo di Crohn e alcuni disturbi neurodegenerativi.

Esistono anche molteplici percorsi molecolari aggiuntivi che vengono modulati efficacemente con il resveratrolo. Ad esempio, molti tumori umani, se esaminati al microscopio, mostrano di essere stati infiltrati da un gran numero di macrofagi.

Questa risposta dei macrofagi non è troppo sorprendente, se si considera che il cancro è forse l'ultimo invasore. Ma sorprendentemente, la presenza di un gran numero di macrofagi nei tumori umani non è un buon segno ed è associata a una prognosi infausta e alla recidiva del cancro.

Questi macrofagi associati al tumore (chiamati TAMS) non agiscono solo direttamente all'interno il cancro stesso, ma quando si trova nel flusso sanguigno periferico si pensa che svolga un ruolo nella migrazione delle cellule tumorali e nello sviluppo della malattia metastatica. In un entusiasmante esperimento in vitro (in laboratorio, non in un essere umano o animale),
un resveratrolo sintetico ha avuto successo nell'aumentare interferone y, un'importante citochina che è un attivatore dei macrofagi. L'aumento dell'interferone y, determinato dal resveratrolo, ha riprogrammato con successo i macrofagi associati al tumore.

 

 

Resveratrolo e inibizione dell'attivazione delle cellule T  

Abbiamo già menzionato il ruolo dell'attivazione delle cellule T come parte della risposta immunitaria umana, ma l'attivazione anormale delle cellule T gioca un ruolo nello sviluppo di molte malattie autoimmuni tra cui la sclerosi multipla, l'artrite reumatoide, il lupus e il diabete insulino-dipendente.< br>
Il resveratrolo inibisce l'attivazione anomala delle cellule T, non agendo direttamente sulla popolazione di cellule T, ma regolando la funzione di SIRT1 come descritto sopra. Poiché questa attivazione anormale delle cellule T è presente in così tante malattie autoimmuni, è ragionevole credere che il resveratrolo potrebbe forse prevenire la progressione delle malattie autoimmuni.

 

Il resveratrolo e l'attività delle NK (cellule natural killer)
Le cellule natural killer (NK) sono un tipo di linfocita (globuli bianchi) che circola nel flusso sanguigno. Queste cellule fungono da meccanismo di difesa precoce contro virus, batteri, parassiti e, cosa forse più importante, contro le cellule tumorali.

Come i macrofagi, le cellule natural killer rispondono a modelli molecolari specifici associati a ciascun patogeno, che attivano gli NK e li spinge a rilasciare composti tossici diretti verso un particolare bersaglio patogeno. Il resveratrolo non solo influenza direttamente positivamente la capacità di uccidere le cellule NK ma allo stesso tempo colpisce altre cellule immunitarie, potenziandone anche gli effetti.


Resveratrolo e inattivazione delle cellule B regolatorie (Bregs)
Le cellule B sono state chiamate le "fabbriche di anticorpi" del sistema immunitario. Sono uno dei due tipi di linfociti, mentre l'altro tipo sono le cellule T. Mentre le cellule T hanno molteplici ruoli, inclusa l'attivazione di altre cellule immunitarie, l'uccisione diretta delle cellule ospiti infette e un ruolo nella regolazione della risposta immunitaria, le cellule B hanno un compito principale: produrre proteine ​​a forma di y chiamate anticorpi. Questi anticorpi sono specifici per ogni batterio o virus invasore e si attaccano all'agente patogeno, contrassegnandolo come bersaglio per la distruzione da parte di altre cellule del sistema immunitario.

Le cellule B regolatorie, note anche come Bregs, sono sottoinsiemi della popolazione di cellule B che richiedono una combinazione di diverse molecole per attivarsi e continuare a produrre un effetto immunosoppressivo I Bregs sono stati implicati nelle metastasi del cancro , in particolare in alcune forme di cancro al polmone e al seno.

Gli studi dimostrano che basse dosi di resveratrolo prevengono la progressione delle metastasi in alcuni tipi di melanoma e in alcuni tumori al seno e ai polmoni.

 

I vantaggi del resveratrolo e perché l'integrazione è fondamentale
Un'ampia varietà di ricerche mostra il ruolo regolatorio e immunomodulatore del resveratrolo nel sistema immunitario umano e indica molti potenziali usi di questo composto nella prevenzione e nel trattamento di molte malattie croniche che includono malattie cardiovascolari e neurologiche, varie condizioni infiammatorie e metaboliche e persino alcune malattie infettive.

Inoltre, esiste una ricerca che mostra la promessa del resveratrolo nel sensibilizzare alcuni tipi di cancro agli effetti della chemioterapia. È stato anche dimostrato che il resveratrolo aumenta la sopravvivenza cellulare e rallenta l'invecchiamento, prima nei lieviti e poi nei topi, attraverso l'attivazione di SIRT1.

Sebbene il resveratrolo sia presente in quantità relativamente piccole in molti alimenti, anche la sua biodisponibilità è scarsa, rendendo quasi impossibile ottenere una dose terapeutica dal solo cibo. Inoltre, la quantità di resveratrolo presente nel vino rosso, combinata con la bassa biodisponibilità, rende impraticabile anche l'assunzione di una dose terapeutica dal bere vino. Questi fattori si combinano per produrre risultati negativi quando i ricercatori hanno esaminato gli effetti di una dieta ricca di resveratrolo sulla salute umana.

Le dosi terapeutiche di resveratrolo vanno da 100 milligrammi a circa 1 grammo al giorno. Un bicchiere da cinque once di vino rosso, che alcune persone pubblicizzano come ricco di resveratrolo, contiene un misero 1,8 milligrammi di resveratrolo, rendendo l'integrazione l'unico modo pratico per ottenere abbastanza di questo composto che promuove la salute.

Qui ci sono solo alcuni degli studi che mostrano l'effetto positivo del resveratrolo sulla salute umana:

Nelle persone a cui era stato diagnosticato il diabete di tipo 2, l'integrazione con un grammo al giorno di resveratrolo ha ridotto la pressione sanguigna, l'insulina a digiuno livelli e glicemia a digiuno aumentando anche i livelli di HDL (colesterolo buono).

L'integrazione di resveratrolo di 150 mg al giorno nelle persone obese imitava gli effetti terapeutici della restrizione calorica, inclusa la diminuzione pressione sanguigna, glicemia e livelli di trigliceridi.

Le persone a cui era stata diagnosticata la steatosi epatica non alcolica integrate con 300 o 500 milligrammi di resveratrolo al giorno per tre mesi, hanno visto una diminuzione dei loro livelli di LDL (colesterolo cattivo), fegato concentrazione di grasso e marcatori ematici per l'infiammazione. Allo stesso tempo, la loro sensibilità all'insulina è aumentata.

Nei pazienti che avevano subito un precedente infarto, l'integrazione con 10 milligrammi al giorno di resveratrolo per tre mesi ha ridotto il loro LDL e ha anche migliorato la funzione del ventricolo sinistro del cuore, ( la camera di pompaggio principale) e le condizioni dell'interno dei loro vasi sanguigni.

Con l'integrazione, dovresti essere consapevole che il resveratrolo è disponibile in due diverse forme molecolari, cis e trans. Il trans-resveratrolo si trova nella maggior parte degli integratori in quanto è più biodisponibile ed è anche più stabile della forma cis. Gli studi mostrano anche che la forma cis non attiva i geni della longevità come la forma trans del resveratrolo. Presta anche attenzione alla purezza del resveratrolo che stai acquistando e cerca un prodotto che sia un trans-resveratrolo e che sia puro almeno al 98%+.

Sii consapevole anche che il trans da, se esposto alla luce, può convertirsi nella forma cis meno attiva e deve essere conservato in un contenitore sigillato a prova di luce in frigorifero.Un integratore di trans-resveratrolo è più biodisponibile se assunto con il cibo (in particolare qualche forma di grasso) e anche quando viene assunto al mattino

Puoi trovare maggiori informazioni sul nostro integratore di resveratrolo ad alta potenza qui . Assunto quotidianamente, l'integrazione di resveratrolo ti aiuterà a sfruttare gli effetti anti-invecchiamento, antinfiammatori, antiossidanti e neuroprotettivi di questo potente composto.


     

    Riferimenti:

     

    -Malaguarnera L. Influenza del resveratrolo sulla risposta immunitaria. Nutrienti. 2019;11(5):946. Pubblicato il 26 aprile 2019. doi:10.3390/nu11050946
    Borra MT, Smith BC, Denu JM. Meccanismo di attivazione della SIRT1 umana da parte del resveratrolo. J Biol Chem. 29 aprile 2005; 280(17):17187-95.

    -Arango Duque G, Descoteaux A. Citochine dei macrofagi: coinvolgimento nell'immunità e nelle malattie infettive. Immunolo anteriore. 2014;5:491. Pubblicato il 7 ottobre 2014 doi:10.3389/fimmu.2014.00491

    -Jeong SK, Yang K, Park YS, et al. L'interferone gamma indotto dall'analogo del resveratrolo, HS-1793, inverte le proprietà dei macrofagi associati al tumore. Int Immunofarmaco. 2014;22(2):303-310. doi:10.1016/j.intimp.2014.07.004

    -Zou T., Yang Y., Xia F., Huang A., Gao X., Fang D., Xiong S., Zhang J. Resveratrolo Inibisce l'attivazione delle cellule T CD4+ migliorando l'espressione e l'attività di Sirt1. PLoS UNO. 2013;8:e75139. doi: 10.1371/journal.pone.0075139.

    -Falchetti R, Fuggetta MP, Lanzilli G, Tricarico M, Ravagnan G. Effetti del resveratrolo sulla funzione delle cellule immunitarie umane. Fantascienza della vita. 2001;70(1):81-96. doi:10.1016/s0024-3205(01)01367-4

    -Lee-Chang C, Bodogai M, Martin-Montalvo A, et al. Inibizione delle metastasi del cancro al seno mediante inattivazione mediata dal resveratrolo delle cellule B regolatorie evocate dal tumore. J Immunolo. 2013;191(8):4141-4151. doi:10.4049/jimmunol.1300606

    -Baur JA, Pearson KJ, Price NL, et al. Il resveratrolo migliora la salute e la sopravvivenza dei topi che seguono una dieta ipercalorica. Natura. 2006;444(7117):337-342. doi:10.1038/nature05354

    -Brasnyó P, Molnár GA, Mohás M, et al. Il resveratrolo migliora la sensibilità all'insulina, riduce lo stress ossidativo e attiva la via Akt nei pazienti con diabete di tipo 2. Br J Nutr. 2011;106(3):383-389. doi:10.1017/S0007114511000316

    -Timmer S, Konings E, Bilet L, et al. Effetti simili alla restrizione calorica di 30 giorni di integrazione di resveratrolo sul metabolismo energetico e sul profilo metabolico negli esseri umani obesi. Metab cella. 2011;14(5):612-622. doi:10.1016/j.cmet.2011.10.002

    -Chen S, Zhao X, Ran L, et al. Il resveratrolo migliora la resistenza all'insulina, il metabolismo del glucosio e dei lipidi nei pazienti con steatosi epatica non alcolica: uno studio randomizzato controllato. Dig Liver Dis. 2015;47(3):226-232. doi:10.1016/j.dld.2014.11.015

    -Magyar K, Halmosi R, Palfi A, et al. Cardioprotezione mediante resveratrolo: uno studio clinico sull'uomo in pazienti con malattia coronarica stabile. Clin Hemorheol Microcirc. 2012;50(3):179-187. doi:10.3233/CH-2011-1424

     

     

     

    .

    Post più vecchio Post più recente


    0 commenti


    lascia un commento

    Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

    Aggiunto al carrello!
    Spend $x to Unlock Free Shipping Free shipping when you order over XX You Have Qualified for Free Shipping Spendi $x per sbloccare la spedizione gratuita Hai Raggiunto Spedizione Gratuita Spedizione gratuita per oltre x x a Free Shipping Over $x to You Have Achieved Free Shipping Trasporto libero quando ordinate sopra XX ou Have Qualified for Free Shipping